· 

La tradizione del’albero di Natale a Vienna

La rappresentazione più antica è un dipinto del l’albero Natale che si trova nel "Libretto illustrato della memoria per la famiglia di mercanti viennesi Carl Baumann, 1820" (che se può vedere nel Museo di Vienna).
La rappresentazione più antica è un dipinto del l’albero Natale che si trova nel "Libretto illustrato della memoria per la famiglia di mercanti viennesi Carl Baumann, 1820" (che se può vedere nel Museo di Vienna).

Ci sono descrizioni scritte di un albero verde con piccole candele accese già sotto Giuseppe I.

 

Si dice, che San Nicola il 6 dicembre ha portato spesso una piccola conifera piena di pasticcini e frutta però senza candele. In alcuni paesi ai bambini viene detto che San Nicola porterebbe un albero di Natale e molti regali ai quelli buoni.

A quel tempo fosse più probabile che i regali natali erano portati dal San Nicola.

Alcuni bambini curiosi provano ad non addormentarsi per poter finalmente vedere Babbo Natale e per aver l’occasione di ringraziarlo e invece sorprenderebbero il nonno o il papà che sistemano l'albero nel soggiorno.

Questo bambino cercherà sempre di fare la cosa giusta e aiuterà delle persone senza aspettare la loro gratitudine o qualche ricompensa.

Hoher Markt 1692 -Modello in legno nel Museo del Prater, Vienna
Hoher Markt 1692 -Modello in legno nel Museo del Prater, Vienna

Più di 200 anni fa, la moglie di un banchiere di nome Fanny von Arnstein gestiva un salone all'angolo tra Hoher Markt 1 e Landskrongasse 2, che era un centro della vita sociale, soprattutto all'epoca del Congresso di Vienna.

Qui furono ospiti artisti, uomini politici stranieri e membri dell'alta nobiltà e del clero.

Nel 1814, qui si trovava il primo albero di Natale di Vienna.

Fanny von Arnstein, una donna di origine Ebraica e di religione protestante elvetica, aveva portato l'usanza dell’albero di Natale dalla Germania settentrionale protestante alla Vienna cattolica.

Franziska (Fanny) von Arnstein era la figlia del banchiere berlinese Daniel Itzig e della sua moglie Mariana (Mirjam) e era conosciuta sopratutto come "la bella Fanny" o "Baronessa Vögele".

Come i suoi 15 fratelli, la ragazza ha ricevuto un'educazione approfondita in cui, come usuale per le figlie più grandi della sua generazione, le materie artistiche hanno svolto un ruolo centrale.

All'età di 17 anni, Fanny sposò il banchiere Nathan Adam von Arnstein nel 1776 e si trasferì a Vienna con lui.

 

La casa bancaria di Arnstein  è stata decisiva per il sistema finanziario in Austria per tre decenni.

La sue attività comprendeva: l‘ acquisizione di titoli di stato di grandi dimensioni, transazioni finanziarie, operazioni di prestito di denaro, consegne all'esercito,

La casa bancaria di Arnstein fu significativamente coinvolta nella creazione della Banca nazionale austriaca nel 1816 e della Prima Spar-Casse austriaca.

 

Franziska Arnstein era anche attiva come filantropa.

Così ha sostenuto sia l'ospedale Elisabethinen che l'ospedale israelita di Vienna e ha organizzato la cura dei soldati feriti nelle guerre napoleoniche.

Fanny von Arnstein gestiva un salone borghese di classe superiore cioè un centro intellettuale e sociale di Vienna durante il Congresso di Vienna.

Fanny è stata anche una cofondatrice della Gesellschaft der Musikfreunde. (È quella che da il concerto del capodanno in Vienna).

È probabile che nel 1815 molte persone abbiano preso illegalmente un albero di Natale dalla foresta, perché c'è un'ordinanza del governo dell‘Austria Inferiore che menziona anche gli alberi di Natale in relazione alle norme di protezione delle foreste e minaccia con la loro confisca in caso di abuso.

La famosissima principessa Henriette von Nassau-Weilburg, una principessa protestante elvetica, mise un albero di Natale (che era il secondo in Vienna) nel suo palazzo nel 1816 sul angolo di Seilerststätte / Annagasse 20, dove oggi si trova la Casa della Musica.

Ella era la moglie dell'arciduca Carlo (figlio adottivo di Marie Christine e vincitore nella battaglia di Aspern contro Napoleone il 21/22 maggio 1809)

La coppia viveva nello Stadtpalais Annagasse 20, Seilerstätte 30 (Erzherzog-Carl-Palais) ed è qui che Henriette montasse il suo primo albero di Natale (che fosse già il secondo in Vienna), probabilmente nel 1816 dopo la nascita di sua figlia Maria Theresia Isabella (31 luglio 1816).

L'albero di Natale è diventato una tradizione almeno nella casa dell'arciduca Carlo, anche se non ci sono prove scritti per ogni anno.

Franz II / I Hofburg, Wien
Franz II / I Hofburg, Wien

L'imperatore Francesco II / I, che partecipò alla festa di Natale, diede quindi l'ordine di allestire nell'Hofburg un albero di Natale già decorato con candele.

Le famiglie nobili seguirono quindi l'esempio della corte, ma ci volle molto tempo prima che l'albero di Natale fosse accettato a Vienna.

L'albero di Natale con le candele e i gioielli suscitò un tale entusiasmo tra la nobiltà viennese e gli artisti del tempo e molti ne seguirono l'esempio l'anno successivo

 

Oggi non c'è quasi una famiglia viennese che non abbia il proprio albero di Natale.

Erzherzog Johann, Bild im Wien Museum
Erzherzog Johann, Bild im Wien Museum

Nel 1822, Carl e la sua famiglia si trasferirono nel palazzo del padre adottivo, Albert Kasimir von Sachsen-Teschen, morto all'inizio dell'anno (è oggi Albertina).

 

Quando suo fratello Arciduca Johann visitò Carl nel 1823, l’Arciduca vide un grande albero di luci lì.

  

È stato riferito da Rudolf von Alt, un pittore della corte austriaca, che un albero di Natale è stato installato nella casa dei suoi genitori nel 1817.

 

Quando l'attore Heinrich Anschütz stava progettando una festa publica con un albero di Natale nel 1821, incontrò una mancanza di comprensione tra la popolazione.

 

A poco a poco, tuttavia, divenne una cosa ovvia a Vienna a festeggiare il Natale con un albero però avvenne accettato solo con riluttanza nei circoli cattolici perché l'albero di Natale minacciava la supremazia del presepe di Natale. Il cambiamento religioso e sociale sta senza dubbio nello spostamento della distribuzione dei regali (con un albero di Natale) dal giorno di San Nicola alla festa di Natale.

Weihnachtsbaum vor dem Rathaus in Wien
Weihnachtsbaum vor dem Rathaus in Wien

Il primo albero di Natale pubblico fu a Währing, come mostra una nota di diario, nel 1829 in fronte a Villa Friedrichs von Gentz (18, Währinger Straße 169-171). Nello stesso anno, gli alberi di Natale furono offerti in vendita publica ai abitanti viennesi a Schottentor. Nel 1851, secondo un rapporto contemporaneo, la piazza Am Hof sembrava una foresta piena degli alberi di Natale in vista del Natale, e numerosi alberi furono offerti in vendita anche a Mariahilf.

 

Ogni anno da 1959 un albero di abete rosso (donato alternativamente dagli stati federali austriaci o dai paesi limitrofi) alto circa 30 metri si trova davanti al Palazzo del Commune è dal 1975  il centro del più grande mercatino di Natale di Vienna. Solo nel 1986 questa tradizione è stata interrotta a causa del "deperimento forestale".

L'albero di Natale più alto mai esposto a Vienna era alto 39,4 metri e proveniva dalla Stiria nel 1971.

 

Come gli alberi di Natale dismessi che vengono consegnati presso i punti di raccolta del Dipartimento municipale 48, (Gestione dei rifiuti, pulizia stradale e parco veicoli), anche gli alberi di Natale abbattuti dalla piazza del municipio vengono utilizzati per generare elettricità e teleriscaldamento.

Buon Natale