· 

La fontana nuziale in Hoher Markt -Vienna

Come in Italia, ci sono molte fontane nel primo distretto di Vienna. Le fontane viennesi sono spesso strettamente associate ai maestri italiani, alla storia di Vienna e, naturalmente, a una piacevole sensazione di calma rinfrescante nel centro della città.

La cosiddetta fontana del matrimonio ora domina l'intera piazza sull' Hoher Markt.

La fontana si trova al posto di forca ed fu completata solo sotto Carlo VI (il padre di Maria Theresia) sostanzialmente nella forma che possiamo vedere oggi.

 

Il padre di Carlo VI., Leopoldo I., aveva molta paura di non vedere più vivo il suo primo figlio Josef I. (che era anche l'erede designato al trono) a causa dei combattimenti durante la Guerra di Successione Spagnola.

Così Leopoldo I. (1702) promesse che avrebbe costruito un monumento dedicato a San Giuseppe, patrono di suo figlio, se egli fosse tornato vivo e vittorioso da Landau.

Il successivo imperatore Giuseppe I, una personalità di grande talento e capacità, ebbe successo nella guerra di successione spagnola e tornò senza danni rimanenti.

Però Leopoldo I. morì poco dopo (1705) e quindi Giuseppe dovette costruire lui stesso la fontana in questo luogo.

 

Per prima cosa è stato necessario rimuovere la forca e la gogna, quindi qui non sono state più eseguite esecuzioni.

Vienna Hoher Markt nel 1692 con la fontana tubolare della condotta idrica di Hernals ( Modello di legno nel Museo di Prater)
Hoher Markt nel 1692 con la fontana tubolare della condotta idrica di Hernals ( Modello di legno nel Museo di Prater)

Inoltre, la vecchia casa della fontana si trovava nel mezzo della piazza, quindi era per questo che il monumento non era stato costruito proprio al centro

Nel 1707 il monumento fu realizzato proprio solo come un modello in legno.

Questo è stato progettato da Joseph I. personalmente, ma più probabilmente insieme al famoso Fischer von Erlach che era in realtà il suo insegnante di architettura.

 

Ma purtroppo anche Giuseppe I. morì giovanissimo (nel 1711).

Vediamo in un tempio le persone che stanno per celebrare il matrimonio di Giuseppe I. con Maria.

 

Antonio Corradini è stato colui che ha realizzato le figure originale (Maria, Giuseppe, sommo sacerdote) dal minerale.

 

 

Sul lato destro del piedistallo si trova la figura allegorica dell'Umiltà, a sinistra quella della Purezza.

Durante il suo regno Carlo VI. fece rimuovere nel 1725 il monumento votivo in legno, gravemente sofferto dal vento e dalle intemperie, e costruì un tempio rappresentativo su colonne corinzie in marmo bianco e minerale, basato su un disegno di Joseph Emanuel, figlio di Johann Fischer von Erlach, per sostituire la costruzione originale.

L'architettura di questo monumento proviene dal muratore di pietra di corte Elias Högl.

Il baldacchino in bronzo è decorato con motivi ornamentali e vegetali.

 

 

Fu costruita anche una fontana su entrambi i lati.

 

 

 

 

Uno di essi ha sostituito la fontana tubolare della condotta idrica di Hernals, costruita nel XVI secolo e rinnovata l'ultima volta nel XVII (1633).

 

La nuova vasca fontana è stata realizzata da Lorenzo Mattielli.

 

In fondo si vede il muso dei romani (Römermuseum) con le case dei tribuni di Vindobona in sotterrano.

 

Nel 1848 il monumento fu danneggiato e le decorazioni metalliche rubate, e fu restaurato solo molti anni dopo.